Perché lo Stato non batte Moneta? Lo Stato deve battere moneta in nome del popolo che crea il valore per convenzione: tutto il resto sono chiacchiere.

Paolo Maleddu

Perché le tasse non sono dovute

“Perché le tasse non sono dovute” è stato scritto con il proposito di fare un po’ di luce tra dubbi e ombre di proposito create nelle nostre menti dal circo mediatico degli Usurai internazionali per impedirci di percepire il reale stato di schiavitù da lavoro e da debito nel quale ci incontriamo. L’obiettivo principale di questa pubblicazione è quello di abbattere un dogma: le tasse da pagare. Premetto che nel termine tasse includo ogni genere di tributo prelevato col fraudolento pretesto di raccogliere denaro dai cittadini per far fronte alle spese di ordinaria amministrazione dello Stato. C’è da convincere i dubbiosi e stimolare coloro i quali, lontani da questi temi, magari ritengono che parlare di tasse non dovute sia una provocazione. Non si tratta di provocazione: solo semplice constatazione di una verità sconcertante.
“Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario”, è stato detto.
Le tasse non sono dovute perché la moneta attualmente in uso sull’intero pianeta è una fiat money. Per fiat money si intende una moneta a corso forzoso, non garantita da riserva aurea, creata per convenzione, dal nulla, all’istante (fiat …) per misurare, contabilizzare e manifestare in un simbolo (cartaceo, di plastica, elettronico …) il valore di beni e servizi. Non essendo la sua emissione limitata da una determinata quantità d’oro preesistente depositata a copertura, di tale moneta non ci può essere carenza. Può essere emessa, digitando dei numeri su un computer o con il solo uso di carta e penna, dall’istituzione che rappresenta la comunità dei cittadini che la creano per convenzione: lo Stato, la regione o il Comune. Domanda: non essendo coperta da riserva aurea (diversamente da quella creditizia, emessa come ricevuta rappresentativa di oro o altra merce depositata a garanzia, non più in uso), cosa dà valore alla moneta? Il valore le viene dato d’autorità dallo Stato che la dichiara valuta ufficiale del Paese e la accetta in pagamento di debiti e tasse: estingue ogni debito. Si può rifiutare un assegno, ma non un pagamento effettuato con la moneta legale del Paese. Si tratta di una fattispecie giuridica: siamo nell’ambito del Diritto, non dell’economia.
Page | 4
Tutto ciò ci porta ad una prima considerazione: se il valore monetario viene dato d’autorità dallo Stato e garantito dalla certezza del Diritto, non si vede come possa venir emesso da altri. Ricordo, semmai ce ne fosse bisogno, che nell’attualità, la moneta viene creata dal nulla dai banchieri privati nell’atto di prestarla e da essi stessi gestita, da proprietari, in regime di monopolio.

Chi emette la moneta?

A chi appartiene il valore nominale impresso sulla moneta al momento dell’emissione?
Chi se ne impossessa?
Milan – Juventus
Domenica c’è Milan – Juve a San Siro. Giocando in casa, il Milan tira a lucido lo stadio, fa curare il tappeto erboso, pubblicizza lo spettacolo su giornali e televisioni. Un dirigente va a ritirare gli 80 mila biglietti d’ingresso fatti stampare alla Tipografia Centrale. Con sua grande sorpresa, invece delle poche migliaia di euro che si aspettava di dover pagare per il semplice lavoro di stampa, si sente rivolgere dal tipografo la richiesta di pagamento del valore nominale impresso sui tagliandi: 100 euro per un biglietto di tribuna centrale coperta, 60 per la tribuna laterale, 20 per le curve.

Continua a leggere

Lo Stato deve battere moneta – Il Paradiso Terrestre

Un brano tratto da “Il Paradiso Terrestre”:

“Lo Stato deve battere moneta

La moneta elimina la disoccupazione

“Restiamo con il pescatore di Cabras.                                                                                               Abbiamo visto che, in assenza di denaro, lo scambio tra muggini ed energia con l’Enel si inceppa, non può avvenire per ovvi motivi. A questo punto deve intervenire lo Stato. Tra i suoi compiti, quello di gran lunga più importante è di fornire al popolo il mezzo di scambio necessario a far girare l’economia e raggiungere un dignitoso benessere.

Continua a leggere

Nuraghes – Moneta Comunale

“Un sistema-Paese che non ha la capacità di produrre moneta, che se la deve procurare a condizioni poste dall’esterno come un Paese del Terzo Mondo… è automaticamente destinato a essere comperato e colonizzato… da quei sistemi-Paese e da quei potentati finanziari che hanno la possibilità di produrre moneta a costo zero o hanno rendite speciali, come il petrolio.
I rapporti di forza e gerarchia tra i sistemi-Paese sono le loro diverse capacità monetarie.”
Marco Della Luna in “CimitEuro”

Continua a leggere