a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


15/05/2018, 23:12



QUANDO-LA-CHIESA-CATTOLICA-CONDANNAVA-COME-USURA-QUALSIASI-INTERESSE,-ANCHE-MINIMO,-SUL-PRESTITO-:-ENCICLICA-"VIX-PERVENIT",-BENEDETTO-XIV,--1745


 ALCUNI ESTRATTI DAL TESTO DELL’ENCICLICA



Certo, sembra oggi impossibile che i Padroni del Discorso possano permettere che sui loro media si condanni come Usura anche un minimo interesse sul prestito di denaro, crollerebbe tutto un mondo fondato sulla Finanza usuraia. Pare anche impensabile che la stessa Chiesa Cattolica possa attualmente tornare su queste posizioni, rifacendosi (come riportato nel testo dell’Enciclica) a l’umano senso comune e la ragione naturale.
Sono trascorsi 270 anni da allora, e il Risveglio delle Coscienze sta procedendo velocemente: ciò che pare impossibile o impensabile oggi potrebbe non esserlo in un futuro non lontano.

Questi alcuni passaggi significativi dell’Enciclica di Benedetto XIV:


"I. Quel genere di peccato che si chiama usura, e che nell’accordo di prestito ha una sua propria collocazione e un suo proprio posto, consiste in questo: ognuno esige che del prestito (che per sua propria natura chiede soltanto che sia restituito quanto fu prestato) gli sia reso più di ciò che fu ricevuto; e quindi pretende che, oltre al capitale, gli sia dovuto un certo guadagno, in ragione del prestito stesso. Perciò ogni siffatto guadagno che superi il capitale è illecito ed ha carattere usuraio.

II. Per togliere tale macchia non si potrà ricevere alcun aiuto dal fatto che tale guadagno non è eccessivo ma moderato, non grande ma esiguo; o dal fatto che colui dal quale, solo a causa del prestito, si reclama tale guadagno, non è povero, ma ricco; né ha intenzione di lasciare inoperosa la somma che gli è stata data in prestito, ma di impiegarla molto vantaggiosamente per aumentare le sue fortune, o acquistando nuove proprietà, o trattando affari lucrosi. Infatti agisce contro la legge del prestito (la quale necessariamente vuole che ci sia eguaglianza fra il prestato e il restituito) colui che, in forza del mutuo, non si vergogna di pretendere più di quanto è stato prestato, nonostante fosse stato convenuta inizialmente la restituzione di una somma eguale a quella prestata. Pertanto, colui che ha ricevuto, sarà obbligato, in forza della norma di giustizia che chiamano commutativa (la quale prevede che nei contratti umani si debba mantenere l’eguaglianza propria di ognuno) a rimediare e a riparare quanto non ha esattamente mantenuto.

 Pertanto, sia lungi dall’animo dei Cristiani la convinzione che, con l’usura, o con simili ingiustizie inflitte agli altri possano fiorire lucrosi commerci; invece abbiamo appreso dallo stesso Divino Oracolo che "La Giustizia eleva la gente, il peccato rende miseri i popoli"


V. Ma occorre dedicare la massima attenzione a quanto segue: ciascuno si convincerà a torto e in modo sconsiderato che si trovino sempre e in ogni dove altri titoli legittimi accanto al prestito, o, anche escludendo il prestito, altri giusti contratti, col supporto dei quali sia lecito ricavare un modesto guadagno (oltre al capitale integro e salvo) ogni volta che si consegna a chiunque del danaro o frumento o altra merce di altro genere. Se alcuno sarà di questa opinione, avverserà non solo i divini documenti e il giudizio della Chiesa Cattolica sull’usura, ma anche l’umano senso comune e la ragione naturale. A nessuno infatti può sfuggire che in molti casi l’uomo è tenuto a soccorrere il suo prossimo con un prestito puro e semplice, come insegna soprattutto Cristo Signore: "Non respingere colui che vuole un prestito da te".


7.In primo luogo fate sapere con parole severissime che il vizio vergognoso dell’usura è aspramente riprovato dalle Lettere Divine. Esso veste varie forme e apparenze per far precipitare di nuovo nella estrema rovina i Fedeli restituiti alla libertà e alla grazia dal sangue di Cristo; perciò, se vorranno collocare il loro denaro, evitino attentamente di lasciarsi trascinare dall’avarizia che è fonte di tutti i mali, ma piuttosto chiedano consiglio a coloro che si elevano al di sopra dei più per eccellenza di dottrina e di virtù."




1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

QUANDO LA CHIESA CATTOLICA CONDANNAVA COME USURA QUALSIASI INTERESSE, ANCHE MINIMO, SUL PRESTITO : ENCICLICA "VIX PERVENIT", BENEDETTO XIV, 1745

15/05/2018, 23:12

QUANDO-LA-CHIESA-CATTOLICA-CONDANNAVA-COME-USURA-QUALSIASI-INTERESSE,-ANCHE-MINIMO,-SUL-PRESTITO-:-ENCICLICA-"VIX-PERVENIT",-BENEDETTO-XIV,--1745

ALCUNI ESTRATTI DAL TESTO DELL’ENCICLICA

Create a website